Comunicato Percorso Comune

MESSINA – 24/05/2018 Scottanti le notizie del giorno a Messina. Una delle due è ridicola, l’altra anche. Mafia? Di quella non se ne parla! Appalti, ospedali, corruzione, truffa nella formazione? Sciocchezze! Auto blu, commissari, mazzette, infiltrazioni mafiose? Sono argomenti che a Messina non sono mai interessati moltissimo.

Una blatta gigante ha ingoiato un intero tram e pure qualche giornalista: rimasto comunque illeso. Al contempo un ragazzino ha fotografato con il suo smartphone una blatta senza biglietto su un tram e l’ha immortalata con un adeguato scatto fotografico. Visto che era sprovvista del titolo di viaggio l’ha comunque diligentemente invitata a scendere dal mezzo pubblico “scinni, nun fari u scarrafuni!”.

La singolare vicenda è avvenuta, probabilmente (data la non chiara documentazione), su una delle migliaia di corse dei mezzi di trasporto pubblico che ogni giorno caratterizzano il servizio della città di Messina.

I mezzi pubblici devono essere tenuti puliti! Questo è chiarissimo. Mai come adesso accade che: 1) esistano mezzi pubblici; 2) siano abbondanti nel numero e nella frequenza; 3) siano rispettosi degli orari; 4) siano puliti come mai lo sono stati, nonostante l’inciviltà di qualche singolo passeggero; 5) si prendano la responsabilità di una blatta introdottasi clandestinamente su un bus; 6) i bus ed i tram sono puliti, tant’è che un insetto dovrebbe fare notizia.

Parliamo di giornalismo?

A Messina ci sono giornalisti che fanno con serietà e professionalità il loro lavoro, ogni giorno, in tutte le condizioni, operando al meglio delle loro capacità, mettendoci impegno, serietà e determinazione, studio, qualità, abnegazione, ricerca, e voglia di comprendere e raccontare la città e la vita che la attraversa. Alcuni altri no. Perché? Perché sono scarsi, alcuni. Altri perché sono di parte, sono proprio di specifiche parti, di partiti, partizionati. In campagna elettorale manipolano l’informazione, deformano gli eventi, li raccontano malissimo, con specifiche finalità. Lo scopo, chiaro anche ai meno brillanti, è quello di influenzare i lettori meno attenti, instillare idee, generare chiacchiericcio, indurre e condurre l’opinione pubblica, spostare qualche voto a vantaggio per proprio mentore, amico, finanziatore, leader, parente di lista, appartenente di famigghia. Possibile?

Possibile che questo tipo becero di disinformazione sia dato in pasto agli insetti, e faccia la fine che merita.
Noi ci teniamo il nostro operare, con le tantissime cose molto utili realizzate a Messina e con qualche insuccesso su cui continuare a lavorare. Ci teniamo quello che siamo, vogliamo essere, con una visione etica e costruttiva della città, per una Messina che sia finalmente una città NORMALE. Ci teniamo il giornalismo di qualità, fatto da professionisti che operano con professionalità.
Il resto ci fa sorridere, in attesa di vedere Accorinti vs Godzilla.

Staff, Percorso Comune.

Condividi su: